6 modi in cui puoi essere un alleato migliore per la comunità LGBTQIA

6 modi in cui puoi essere un alleato migliore per la comunità LGBTQIA

Quando impari che qualcuno che conosci o ami è LGBTQIA, può essere difficile capire il modo "migliore" per reagire. Potresti voler fare un sacco di domande, esprimere il tuo supporto o disapprovare l'intolleranza che quelli in questa comunità affrontano su base regolare. Oppure potresti provare emozioni che vanno onorate a confuse e non hai idea di cosa fare o dire dopo.

Ad ogni modo, è fondamentale ricordare che le persone LGBTQIA sono non un'anomalia. Sono esseri umani, proprio come te e me, che ricoprono anche i ruoli di amici, figlie, zii, sorelle, figli, collaboratori, madri, fratelli, padri e cugini. Essere un alleato significa valutare l'importanza dell'uguaglianza, dell'accettazione e del rispetto dell'orientamento sessuale o dell'identità di genere. Ecco 6 modi in cui puoi supportare la comunità LGBTQIA.

1. Ascolta davvero.

La cosa più utile numero uno che puoi fare per supportare qualcuno che è LGBTQIA? Ascoltare.

Il tuo lavoro come alleato è quello di credere alle storie di persone emarginate, come quelle della comunità LGBTQIA senza pregiudizi o presunzione. E uno dei modi più utili che puoi fare è ascoltare con una mente attenta e aperta.

Presta attenzione a ciò che la persona ti sta dicendo, se stanno uscendo ufficialmente o descrivendo una nuova relazione o condividendo dettagli relativi alle esperienze personali della testa, del corpo, della mente e del cuore. Va bene stare zitti; Non devi immediatamente interrompere una storia sul tuo amico gay o dichiarare il tuo amore per le persone strane per "dimostrare" la tua compassione. Ascolta prima e poi fai domande che esprimano il desiderio di saperne di più sulla persona con cui stai parlando. Domande come: “Come ti senti?"E" Cosa posso fare per supportarti?"E" Potresti dirmi di più?"

Vedi, il tuo lavoro come alleato è quello di credere alle storie di persone emarginate, come quelle della comunità LGBTQIA senza pregiudizi o presunzione. E uno dei modi più utili che puoi fare è ascoltare con una mente attenta e aperta.

2. Controlla il tuo privilegio, quindi usalo.

Sono una persona eterosessuale, bianca, cisgender. Ciò significa che ho letteralmente Mai dovevo preoccuparsi per la mia sicurezza tenendomi per mano con qualcuno che amo in pubblico. Non ho mai dovuto preoccuparmi di come presentare il mio genere o di avere difficoltà a sentirmi come se fossi nel corpo sbagliato. Non ci penso due volte se riesco ad accedere a mio marito in caso di emergenza, e sperimentato zero barriere nel mio desiderio di sposarlo in primo luogo. Nessuno mi chiede se sono "sicuro" di essere etero o chiede a che serve il sesso "."Ovunque mi rivolgo, vedo esempi normalizzati del mio orientamento e identità.

Questo si chiama privilegio. Nominalo. Possederlo.

Perché se hai un privilegio, hai il potere. Non passare un sacco di tempo a sentirti in colpa per essere privilegiati; Invece, metti quel tempo e l'energia verso un'azione costruttiva per supportare coloro che non sono privilegiati allo stesso modo. Sii profondamente consapevole del tuo privilegio, quindi puoi controllarlo e usarlo per supportare la comunità LGBTQIA.

Come alleato, la tua capacità di parlare per persone strane ad altre persone privilegiate è incredibilmente preziosa. Non devi posizionarti come un salvatore o altro, ma puoi assolutamente lavorare all'interno delle tue sfere di influenza per apportare il cambiamento. Usa le tue abilità e talenti per parlare e fare un passo avanti. Sei uno scrittore? Aiutare le persone trans a condividere le loro storie. Sei un artista? Crea arte che celebra l'amore e la diversità in tutte le forme. Avere denaro extra o tempo libero? Volontariato o donare a organizzazioni come GLAAD, The GSA Network, The Human Rights Campaign e The Trevor Project. Sei politicamente mentale (che dovremmo essere tutti!)? Chiama i tuoi legislatori, sappi dove si trovano e chiedi loro di sostenere pubblicamente la comunità LGBTQIA in parole e azioni.

Se hai il lusso del privilegio, allora hai la possibilità di metterlo in uso positivo per conto delle persone LGBTQIA.

3. Non mettere le persone in una scatola.

Proprio come ci sono molti, molti modi per essere una persona eterosessuale nel mondo, ci sono molti, molti modi per essere una persona strana nel mondo. Il mio amico Steve lo dice in questo modo: “Non siamo tutti uguali, quindi trattaci come vorresti essere trattato. Non siamo tutti i tipi promiscui che vogliono colpire ogni ragazza/ragazzo che vediamo. Molti di noi vogliono un matrimonio, i bambini, il successo e la capacità di vivere con le libertà eterosessuali."

Sii profondamente consapevole del tuo privilegio, quindi puoi controllarlo e quindi usarlo per supportare la comunità LGBTQIA.

La rappresentazione dei media delle persone LGBTQIA tende ad essere irrealistica; Li posiziona come eleganti, spiritosi, sfacciati, ambiziosi, esilaranti e giusti, oltre a cadere in stereotipi usurati: le lesbiche sembrano sempre ____, i gay parlano come ____ e le persone trans sono ____. (Compila il vuoto, comunque preferisci.) Anche le persone eterosessuali più ben intenzionate sono suscettibili a queste aspettative quando agiscono completamente affascinato, diciamo, andando in un bar gay.

Un altro mio amico ha descritto la sua esperienza di uscire in questo modo: “Ho notato che molte persone eterosessuali mi trattavano come una novità piuttosto che una persona intera. Ho dovuto rompere alcune amicizie casuali. Ricordo che le mie parole all'epoca erano: "Non posso essere amico di qualcuno che mi mette sotto il vetro come una mostra di musei.'Questa è la migliore metafora che ho potuto trovare in quel momento, ma mi è sembrato accurato."

Certo, questo non significa che non puoi essere curioso di conoscere le persone LGBTQIA nella tua vita. Tutte le persone hanno sfumature interessanti, sfondi complicati e tratti avvincenti. Abbraccia ed esplora quella realtà proprio come fai con chiunque sia etero.

4. Riconoscere l'identità queer come preziosa.

Come persona eterosessuale, una delle dichiarazioni più illuminanti che ho letto su come essere un alleato proveniva dal produttore di video VOX Carlos Masa. Ha detto: "Se avessi un nichel per ogni volta che ho sentito un amico ben intenzionato dire una versione di" Non ti penso nemmeno come un gay, ti penso solo come una persona, "potrei pagare così molti biglietti per il parcheggio. Ogni persona strana si riferisce alla loro stranezza in modo diverso. Per alcuni, è il rumore di fondo. Per me, è un'orchestra completa che fa sempre un medley di Celine Dion al volume massimo nella mia testa. Ad ogni modo, dire a qualcuno che non riconosci o pensi alla loro stranezza non è gentile o illuminato. Nella migliore delle ipotesi, fa sembrare una parte significativa della nostra identità come una nota a piè di pagina. Nel peggiore dei casi, può farci sentire come se pensassi alla nostra stranezza come qualcosa di meglio lasciato non detto."

L'impulso di "normalizzare" i gruppi emarginati è, beh, normale. Le persone dritte e strane sono le stesse in quanto hanno bisogno di mangiare e dormire e guadagnarsi da vivere, ma sono anche molto diverse; Il primo è accolto come norma predefinita mentre il secondo è spesso una parte oppressa della propria identità. Se vuoi enfatizzare il tuo sostegno a qualcuno che è LGBTQIA, celebra il fatto che loro Sono Lgbtqia piuttosto che fingere come "non importa." Esso fa questione. Questo non è l'unico dettaglio che conta, ovviamente, ma è una parte distintiva della loro esperienza nel mondo.

5. Sii coraggioso nei momenti di tutti i giorni.

“È così gay."

“Che homo."

“È un ragazzo di bell'aspetto, ma non sono un queer o altro."

“Sembra un uomo."

“Due ragazze si baciano? Caldo."

Ho sentito tali parole offerte casualmente in conversazione per anni e per molto tempo non ho detto nulla. Non volevo fare le cose imbarazzanti. Ho lasciato che i cosiddetti "battute" e commenti inappropriati. Anche se volevo essere un alleato, chiamando le persone mi sentivo duro e scomodo. Chiamare amici e familiari della mia piccola città sembrava quasi impossibile.

Ogni persona merita il diritto e l'opportunità di essere chi sono e amano chi vogliono amare.

Mi chiamo, ora, perché io Ancora testimoni di altri che affermano di non essere omofobici ... e poi prontamente sostengono l'esitazione di fronte all'omofobia. E questo è sbagliato. Essere LGBTQIA significa affrontare tutti i tipi di disagio: sfide legali, rifiuto della famiglia, vergogna interiorizzata, molestie di strada, stereotipi umilianti, esclusione religiosa e molto altro ancora. Essere a disagio come persona non LGBTQIA in presenza di pregiudizi fa parte del lavoro di essere un vero alleato.

Quindi sii una risorsa per l'inclusività. Educare te stesso, costantemente, su questioni locali e nazionali che colpiscono le persone LGBTQIA. Dai la tua attività alle aziende con politiche anti-discriminazione. Dì: "Non è divertente" o "Dove hai avuto quell'impressione?"Le persone queer possono certamente attaccarmi a se stesse (e fare sempre), ma questo non ti lascia fuori dal gancio. Sii coraggioso e non lasciare scivolare il bigottismo casual.

6. Ricorda che non si tratta di te. 

Ogni persona merita il diritto e l'opportunità di essere chi sono e amano chi vogliono amare. Alla fine, il viaggio di uno come persona LGBTQIA ha ben poco a che fare con te. Se sei etero, sappi che non puoi capire appieno cosa hanno attraversato le persone all'interno della comunità LGBTQIA.

Un amico, che è lesbica, mi ha detto: "Non sai cosa significhi avere la gente mettere in discussione il tuo amore, perché un cattolico pensa che tu sia un peccatore, per un membro della famiglia pensa che tu stia attraversando una" fase " Con la persona che identifichi come amore della tua vita o che i bambini ti fissino per quei due secondi in un ristorante, perché non è ancora "la norma."

Ha ragione, ma va bene, puoi ancora essere un alleato intenzionale. Ascolta, leggi e guarda le diverse storie di LGBTQIA. Chiedi alle persone strane della tua vita come stanno e di cosa hanno bisogno. Rafforza il fatto che il tuo amore o la tua cura per quella persona non cambierà. Sebbene il supporto della comunità LGBTQIA sia cresciuto e consolidato nel corso degli anni, c'è ancora il lavoro da fare. Essere un alleato indica la tua volontà di sviluppare una migliore comprensione di cosa significhi essere strani nella U.S. Oggi, quindi puoi fare la tua parte per aiutare a smantellare la discriminazione.

Come hai imparato a supportare le persone LGBTQIA nella tua vita? Come LGBTQIA-PERSON, che tipo di supporto risuona di più con te?