7 cose che mia madre #GirlBoss mi ha insegnato a gestire la mia attività

7 cose che mia madre #GirlBoss mi ha insegnato a gestire la mia attività

Per Lily Ashwell, figlia della fondatrice di Shabby Chic Rachel Ashwell, gestire un'attività è sempre stata vista come un lavoro d'amore. Il marchio di sua madre è nato da un trattamento senza tempo senza passione creativo in un arredamento per la casa bello, confortevole e funzionale e ha sopportato rimanendo fedele ai suoi valori fondamentali.

Ora, l'omonima linea di abbigliamento di Lily incarna lo stesso cuore e la stessa anima, creando pezzi ispirati a reperti vintage personali e producendoli con dettagli amorevoli. Qui, condivide le lezioni apprese dall'apertura di un negozio di corner in mattoni e mortaio e 7 cose che sua madre le ha insegnato a gestire un successo e una sensazione di successo.

Fare un piano

Organizzare e budget La mia vita personale non è mai stata la mia più grande forza. Ma dal primo giorno di avviare la mia attività, mia mamma mi ha guidato per mappare un budget, i miei obiettivi e poi un piano. Sebbene nessuno abbia una sfera di cristallo e si appennano sempre problemi imprevisti, ho imparato che c'è soddisfazione nella strutturazione di un'azienda, ed è gratificante quando le cose vanno secondo il piano.

... ma non aver paura di scendere a compromessi (senza perdere l'anima e i valori)

Immediatamente dopo la laurea, ero determinato a eseguire le mie visioni in modo molto preciso. Ma nel tempo ho imparato che a volte devono essere fatti compromessi, per vari motivi. A volte è per creare un prodotto con un prezzo realistico, o talvolta è dovuto a limitazioni nella produzione. Di solito con un po 'di pensiero e attenzione in più, sono in grado di rendere i compromessi pur mantenendo i miei prodotti speciali e in linea con il cuore e l'anima della mia azienda.

Mantieni un equilibrio

Ho visto mia mamma lavorare duramente per tutta la mia vita, in parte perché la sua attività è un lavoro d'amore, ma anche perché possedere un'azienda può essere decisamente difficile. A volte mi sembra di passare l'intera giornata aggrovigliata nelle erbacce del business. Mia mamma mi ricorda che il motivo per cui ho iniziato su questo percorso era dovuto alle mie passioni creative e mentre le operazioni di gestione di un'azienda sono importanti, devo sempre ritagliarmi abbastanza tempo per lavorare sul lato creativo anche.

Segui il ritmo del tuo tamburo

Mia madre diceva sempre che non era mai interessata al business dei mobili, anche se era una designer di mobili. Non ho mai capito questo fatto fino all'inizio della mia compagnia. Mentre sono un designer di abbigliamento, probabilmente non sarò mai visto in prima fila di una sfilata di moda. Mia madre mi ha mostrato che va bene avere la tua visione e approccio al tuo lavoro; non deve essere in linea con ciò che tutti gli altri nel settore.

Ci vuole un villaggio

Crescendo, ricordo mia mamma che invitava tutta la sua compagnia a casa per una cena per le vacanze. Ha sempre definito la sua compagnia la "famiglia squallida" e ha sempre sottolineato quanto sia importante ogni membro per la famiglia. Era importante per lei mostrare loro come li apprezzava. Mentre costruisco il mio piccolo villaggio, spero di farli sentire sempre importanti e apprezzati.

Vivi il tuo marchio

Senza dubbio, sono cresciuto in una casa di Chic Shabby. Mia mamma vive la storia del suo marchio ed è autentica. Questo mi ha sicuramente ispirato a rimanere fedele alla progettazione di prodotti che adoro e che sono unici sul mercato. Non studio le tendenze perché mi piace pensare che i miei pezzi siano senza tempo dal punto di vista dell'estetica e della qualità e questo perché provengono dal cuore. So che questo è un valore fondamentale di mia madre e che mi ha insegnato all'inizio.

Coltiva la tua creatività

Sebbene mia mamma sia stata nel mondo commerciale, si considera prima un'artista, quindi mantenerle ispirata è vitale. Faccio tutto il possibile per coltivare la mia creatività. La natura è una buona fonte per me, oltre a interagire pratico con gli artigiani. Adoro vedere il loro processo, spesso laborioso, produrre qualcosa di consapevole e significativo. La loro passione mi ispira a fare lo stesso con il mio lavoro.