Stai in secondo piano? 9 domande da porsi

Stai in secondo piano? 9 domande da porsi

Le relazioni romantiche possono essere complicate. Ci sforziamo di trovare il Noè ai nostri alleati o Portia per i nostri Ellens nella speranza che un giorno possiamo vivere felici e contenti. Ma in un'epoca in cui la tecnologia ci dà un posto in prima fila nella vita di ogni persona, può essere facile non solo a guidare te stesso, ma della relazione in cui ti in cui ti trovi attualmente.

Tuttavia, sia che tu abbia avuto una relazione per cinque mesi o 10 anni, vogliamo sottolineare che è completamente normale guidare la tua relazione ogni tanto. Man mano che cresci, ci saranno momenti in cui tu e il tuo partner potreste desiderare cose diverse, ed è importante comunicare su quelle crescita per scoprire se entrambi siete sulla stessa pagina. Ma se ti ritrovi a scendere una tana di coniglio di dubbi, cosa-if o semplicemente ti ritrovi a verificarti dalla tua relazione che va oltre il solo giorno o una brutta giornata, allora potresti voler fare il check-in con te stesso Vedi se questa relazione ti sta servendo prima di chiamarla.

Per aiutare, ci siamo collegati con un paio di esperti di relazione per vedere quali tipi di domande dovresti porre se sei stato in secondo luogo. Mentre questa potrebbe essere una conversazione difficile da avere con te stesso, è importante porre queste domande per assicurarti di non rimanere in una relazione infelice. 

1. “Come mi sento quando sono con il mio partner?"

Mentre sarebbe quasi impossibile sentirsi felici con il tuo partner ogni singolo giorno della tua vita, non vuoi che la tua relazione ti senta come se stessi tirando i denti solo per farlo funzionare. Scegliere di stare con qualcuno significa che stai scegliendo come ti senti con te stesso mentre sei in questa relazione. Ignorare queste possibili emozioni negative che potresti provare potrebbe causare problemi in seguito lungo la strada. "Questa [domanda] ti aiuta a indicare il tuo stato mentale e come potrebbe contribuire al tuo rapporto con il tuo partner", ha affermato lo psicoterapeuta e il consulente affermativo LGBT+ Kristen Martinez.

2. “Come mi sento per me stesso quando sono lontano dal mio partner?"

"Se ti senti costantemente peggio con te stesso dopo che sei stato in giro per questa persona, questo è probabilmente un segno che c'è un problema all'interno della relazione che deve essere affrontato", ha detto Martinez. Alla fine della giornata, il tuo partner non dovrebbe mai farti dubitare di te stesso, farti sentire autocosciente o farti mettere in discussione il tuo valore. Mentre è normale entrare in argomenti o avere giorni liberi ogni tanto, dovresti sentirti supportato e amato molto tempo dopo essere uscito con loro.

3. “Il mio partner mi fa venire voglia di essere una persona migliore?"

Se ti ritrovi a mettere in discussione il modo in cui il tuo partner gestisce determinate situazioni o scopri che ti stanno sabotando nel fare cose che non si trovano bene con te, allora potresti voler rivalutare la relazione. “Le buone relazioni ci danno il supporto e il nutrimento di cui abbiamo bisogno per aiutarci ed essere meglio. Questa struttura esiste nella tua relazione o manca?"Martinez ha detto.

4. “Sto vivendo i miei valori quando sono con il mio partner?"

Avere un forte insieme di valori è la chiave per mantenere una relazione sana e quando tu e i tuoi S.O.I valori o le convinzioni fondamentali non corrispondono più, può iniziare a causare una spaccatura nella relazione. Fare a te stesso questa domanda ti dà la stanza per valutare se qualcosa deve essere affrontato con il tuo partner mentre contemporaneamente fai il check -in con te stesso per assicurarti di non perdere te stesso nella relazione. “Quando non viviamo in accordo con i nostri valori, possiamo sentirci in conflitto, frustrato, deluso o altrimenti scontento. Se stare con un partner non ci consente di vivere fedele ai nostri valori, questo potrebbe essere qualcosa che deve essere regolato ", ha detto Martinez. 

5. “Mi fido del mio partner?"

"Non sottovalutare mai quanta fiducia gioca nelle relazioni. Se hai dubbi sulla fiducia, questo è un problema ", ha detto Martinez. Questa è probabilmente una, se non la domanda più importante che puoi porsi sulla tua relazione. Avere fiducia nel tuo partner e la tua relazione consente ad altre cose nella tua relazione di crescere. Senza di essa, non c'è modo per te di superare il trauma che senti, il che rende completamente naturale perdere fiducia nel tuo partner quando non ti senti come se fossero veramente vulnerabili e onesti con i loro desideri, bisogni e emozioni con te.

6. “Siamo il mio partner e io in diversi tempi della nostra vita?"

Prendere un momento per capire dove tu e il tuo partner vi siete diretti è essenziale per assicurarsi che non ci sia risentimento tra entrambi. Mentre la maggior parte delle relazioni può superare e gestire le transizioni, è importante fare il check -in e assicurarsi che nessuno stia facendo sacrifici non detti - questo causerà solo problemi in seguito lungo la linea. "Sii onesto con te stesso. Ad esempio, il tuo partner vuole bambini e li vogliono allo stesso tempo? Anche se tu e il tuo partner potreste desiderare le stesse cose, potresti desiderarle in momenti molto diversi ", ha detto l'esperta di relazioni Mara Opperman.

7. “Continuo a discutere con il mio partner sugli stessi argomenti ripetuti?"

Anche se non vuoi mai cambiare completamente la persona con cui stai. Può essere difficile per la crescita della relazione e che le coppie si sentano quando gli stessi combattimenti continuano a verificarsi più e più volte. “Avere gli stessi combattimenti più e più volte può essere un segno di problemi, soprattutto se non c'è mai una risoluzione. Se hai esaurito tutte le tue risorse, come la terapia, la comunicazione, il tentativo di cambiare comportamento e tuttavia ti ritrovi a discutere a prescindere, potrebbe essere il momento di andare via ", ha detto Opperman.

8. “È qualcosa che manca nella nostra relazione o manca qualcosa?"

“[I] è essenziale per scavare in profondità e capire perché quella sensazione è lì. Una volta che sai cosa è, puoi determinare cosa deve cambiare, come cambiarlo e/o se puoi vivere senza di essa ", ha detto Opperman. Anche se la tua relazione potrebbe non essere perfetta, ciò non significa che sia una soluzione sbagliata; Tuttavia, è importante contemplare se senti che qualcosa è fuori. Portare questi problemi in superficie ti permetterà di individuare ciò che è un affare e ciò che non è.

9. “Ho sentimenti di solitudine anche quando siamo insieme?"

“È bello sapere che non sei solo a sentirti solo nella tua relazione. Molte persone si sentono così in una volta o nell'altra. Tuttavia, aiuterebbe se determinassi la radice della tua solitudine. Se è perché tu e il tuo partner avete perso la tua connessione emotiva o senti che stai andando a pezzi, questo è qualcosa che devi discutere con il tuo partner e lavorare o chiamarlo smette ", ha detto Opperman.

La solitudine è una parola non normalmente associata all'essere in una relazione, ma è una forza trainante per le coppie che si rompono. Se qualcuno in una relazione non si sente parte di una squadra o costretto a uscire da decisioni importanti o semplicemente si ritrova da solo più volte di quanto vorrebbe ammettere, è facile per quella persona sentirsi solo.

Ora, questo non significa che puoi semplicemente chiedere al tuo partner di stare con te 24/7; Tuttavia, è importante discutere di cosa significano la solitudine e il tempo sano a parte per ogni persona nella relazione. Se il tuo partner ha bisogno di tempo da solo per ricaricare, è fantastico! Ma se tu o tu trovi costantemente motivi per stare lontano dalla relazione, allora potrebbe essere il momento di capire perché.