Come riprendersi dal rifiuto del lavoro

Come riprendersi dal rifiuto del lavoro

Come qualcuno che ha affrontato il rifiuto del lavoro parecchie volte, potrei dirti una o due cose al riguardo. C'è l'eccitazione che ti attraversa quando vieni chiamato per un'intervista, l'energia nervosa che ti circonda durante il processo di intervista e le settimane in attesa e la speranza di sentire delle buone notizie solo per far cadere il cuore allo stomaco quando ottieni L'e -mail generica che inizia con quelle parole temute, "Grazie per il tuo interesse ...".

Può farti sentire in un certo senso, come se la vita ti stesse dando una scatola luccicante, e poi ha detto "oops" e lo ha strappato indietro. Una serie di emozioni può essere avviata che può variare dalla delusione a quelle che potrebbero sembrare le profondità della disperazione.

Forse ti ritrovi a ripetere l'intervista ancora e ancora nella tua testa cercando di capire dove hai sbagliato. O forse, ti senti imbarazzato, soprattutto se hai detto a qualcuno a riguardo. Dover rispondere alla domanda: “Allora cosa è successo con quel lavoro?"Improvvisamente si sente come un interrogatorio.

In breve, il rifiuto del lavoro può davvero fare schifo. Ma il rifiuto del lavoro fa parte della vita carica di potenziale per la tua crescita professionale e personale. Quindi, se hai sperimentato uno (o più) ultimamente e hai bisogno di un po 'di pick-me, ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarti a ottenere il massimo dal rifiuto del tuo lavoro.

1. Non lasciare che ti definisca.

Può essere difficile non assumere personalmente il rifiuto del lavoro, anche se sappiamo che non dovremmo. Se hai mai chiesto se il rifiuto significa che non hai quello che serve o non sei buono, probabilmente hai permesso al rifiuto di definirti. E se gli permetti o meno di definirti dipende da quanto valore ritieni dalla decisione dell'intervistatore e da quanto del tuo autostima associato a quella decisione.

Quando sei rifiutato per un lavoro, non è il tuo valore che viene rifiutato.

Solo una regola empirica, su una scala da zero al 100% un rifiuto di lavoro dovrebbe probabilmente essere equivalente a circa zero della tua autostima. Mettiamolo in prospettiva. I datori di lavoro intervistano molti candidati qualificati per ricoprire posizioni che soddisfano le loro esigenze, ma generalmente viene scelto un solo candidato per ricoprire la posizione. Ciò significa che molti altri candidati qualificati non saranno scelti e potresti essere uno di questi.

E mettere l'intera autostima nelle mani di persone imperfette è auto-sabotaggio. Quando sei rifiutato per un lavoro, non è il tuo valore che viene rifiutato; Piuttosto, gli intervistatori possono percepirti come non soddisfare le loro esigenze in qualche modo. Forse ti manca l'esperienza che stavano cercando, o forse ti mancava un tratto idiosincratico che stavano cercando. O forse forse eri fuori quel giorno e hai detto qualcosa di sciocco. Ad ogni modo, nulla di tutto ciò riflette la tua autostima.

2. Fai cadere il lavoro dal suo piedistallo.

I buoni lavori non sono sempre così facili da trovare. Quindi quando ne troviamo uno che pensiamo ci adatterebbe perfettamente, può essere difficile non spendere tutto il nostro tempo ed energia per assicurarlo, soprattutto se ci siamo già immaginati nella posizione. Ma quando idealizziamo un lavoro, tendiamo ad ottenere la visione del tunnel e potremmo avere meno probabilità di prendere in considerazione lavori apparentemente meno attraenti che potrebbero effettivamente essere buoni per noi.

Non importa quanto sia bello che un lavoro possa essere per noi, ogni lavoro ha degli svantaggi. E se non sei stato scelto per la posizione dei tuoi sogni perché non sei stato considerato "non è adatto", considera che il lavoro potrebbe non essere adatto a te. Forse c'è qualcosa che devi imparare che la posizione non ti darà, o c'è un'altra posizione che ti porterebbe nella direzione della carriera che vuoi andare anche se non lo sai ancora.

Ogni lavoro ha svantaggi. Se non sei stato scelto per la posizione dei tuoi sogni perché non sei stato considerato "non è adatto", considera che il lavoro potrebbe non essere adatto a te.

3. Diventa bravo al rifiuto.

Chiunque stia tentando di migliorare la propria vita mettendosi là fuori e assumendo rischi dovrà affrontare il rifiuto. È un segno che stai facendo qualcosa. E l'unico modo per evitarlo è non provare mai a fare nulla, e questo è un altro problema.  Certo, questo non è necessariamente qualcosa che vuoi sentire quando ti rendi conto di non aver ottenuto il lavoro che volevi. Ma se è passato un po 'di tempo e senti che il rifiuto del lavoro non ti ha insegnato altro che dolore, considera almeno che ti sta costringendo ad imparare ad accettarlo mentre vai avanti.

Se le cose andassero sempre senza intoppi come volevamo, non avremmo imparato la metà. Vieni sfidato, sfidato a vivere ancora la vita mentre hai a che fare con la delusione di non essere scelto. E se non vai a vali durante il processo, sarai solo più forte per questo.

4. Fai funzionare il processo di intervista per te.

Quando vieni rifiutato per un lavoro, può sembrare che tu abbia fatto così tanto lavoro per ottenere il lavoro senza nulla da mostrare, soprattutto se il processo di candidatura era lungo e elaborato. Ma se pensi a come far funzionare l'intervista a tuo favore, sei meno propenso a sentirti come se non fosse rimasto con niente. Un modo per ottenere il massimo dal processo di intervista è considerare ciò che puoi imparare da ciò che hai vissuto e come puoi usarlo per migliorare le tue attività di carriera.

Solo partecipando all'intervista, stai praticando le tue capacità di intervista, imparando di più sull'area di carriera che stai perseguendo; E che ci crediate o no, hai l'opportunità di creare connessioni. Anche se sono stato rifiutato per una posizione accademica, mi sono ricollegato con uno dei miei intervistatori e in seguito ho lavorato con lui in un altro progetto. Potrebbe anche essere utile chiedere feedback ai tuoi intervistatori in merito al tuo colloquio. Spesso siamo respinti per un lavoro senza alcuna conoscenza del motivo per cui non l'abbiamo ottenuto e gli intervistatori non sono obbligati a dirci il motivo. Ma ciò non significa che non possiamo chiedere. Gli intervistatori erano in una posizione unica per vedere le tue capacità di intervista e la professionalità in azione e potrebbero essere in grado di offrire preziose informazioni su come puoi migliorare le tue prospettive per le interviste future. Quindi perché non approfittarne? Il minimo che possono fare è ignorare la tua richiesta e non sarai peggio di te.  Se non sei sicuro di quali parole usare e hai paura di sembrare hokey, o peggio, disperato, fai una ricerca web su come chiedere feedback dopo un rifiuto del lavoro. Puoi essere sicuro di trovare informazioni utili sull'argomento.

Ricorda, nulla della tua ricerca di lavoro è sprecato e puoi usarlo tutto, i tuoi successi e i tuoi rifiuti per costruire la tua esperienza e farti preparare meglio per il lavoro dei tuoi sogni quando lo trovi. 

8 suggerimenti per il successo in un'intervista a lunga distanza

5 passaggi per prepararsi per un colloquio di lavoro

6 domande da porre in ogni colloquio di lavoro

Il follow-up: 5 consigli per l'atterraggio del lavoro dopo l'intervista

5 modi per prepararsi alla tua prossima intervista