Come capire se soffri di ragionamento emotivo

Come capire se soffri di ragionamento emotivo

Quando succede qualcosa che ti fa arrabbiare, come fare Voi occupatene? Sei in grado di separare le tue emozioni dalla realtà della situazione con una testa chiara, o finiscono per sfuggire insieme?

È un problema che molti di noi hanno un pensiero eccessivo di ansia: una situazione ti fa emozione, il che ti porta a pensarci così tanto che la realtà che hai creato nella tua mente è separata da effettivo la realtà. Lo stress è creato su cose che non sono veri problemi semplicemente per come ti senti e ci hai pensato: lasci che i tuoi sentimenti guidino il modo in cui interpreti la realtà.

Si scopre che questo fenomeno ha un nome reale: ragionamento emotivo. Il ragionamento emotivo è una distorsione cognitiva in cui una persona conclude che la loro reazione emotiva dimostra qualcosa è vero, indipendentemente dalle prove che dimostrano diversamente. Le tue emozioni offuscano i tuoi pensieri, il che a sua volta annulla la tua realtà.

È un vero modello di pensiero negativo ed è uno che può causare un sacco di angoscia inutile nella vita di qualcuno. Come sempre, se stai lottando, considera la ricerca di un aiuto professionale da un terapeuta. Ecco alcuni modi in cui puoi dire se soffri di ragionamento emotivo:

Esempi di ragionamento emotivo

I segni del ragionamento emotivo includono pensieri come "Mi sento in colpa, quindi devo aver fatto qualcosa di brutto", "Mi sento inadeguato, quindi devo essere inutile" o "Ho paura, quindi devo essere in una situazione pericolosa."

Spesso si correla con i disturbi della depressione e dell'ansia -perché le cose sembrano così negative per qualcuno, la persona assume che le cose siano in realtà così negative, piuttosto che tenere conto del ruolo che le emozioni svolgono nei loro sentimenti.

Il braccio

Il ragionamento emotivo può portare a sentirsi come un fallimento prima ancora di iniziare a lavorare per qualcosa. La nostra mente lascia che le nostre emozioni prendano il sopravvento è estenuante e può indurci a pensare che abbiamo fallito prima ancora di aver iniziato. Ciò può portare alla procrastinazione e, a volte, non a fare il compito. Le emozioni che prendono il sopravvento riducono anche il desiderio di cambiare, perché ritieni che il cambiamento non sia possibile anche se dovessi provare.

Come sapere se ce l'hai

Se le tue emozioni dettano i tuoi pensieri e, a loro volta, le tue azioni, potresti avere un ragionamento emotivo.

Alla ricerca di aiuto da un terapista può aiutarti a lavorare attraverso il ciclo tossico di pensieri negativi che comporta, ma nella tua vita quotidiana, ci sono alcuni trucchi che puoi usare per aiutare a superare il tuo modello di pensiero:

  • Fatto separato dalla finzione: quando le tue emozioni stanno prendendo il controllo dei tuoi pensieri e rovinando la giornata, chiediti: “È ciò che mi sto concentrando sul fatto, o è una realtà che ho creato nella mia mente?"
  • Capire che i tuoi sentimenti non sono rappresentativi del tuo valore. Solo perché ti senti in un certo modo non significa che tu abbia prove per una discussione contro di te.
  • Ricordati che I sentimenti sono solo sentimenti - Mentre i tuoi sentimenti sono sempre validi, non dovrebbero dettare come vedi la realtà.
  • Quando le tue emozioni stanno prendendo il sopravvento, fai un passo indietro e pensa a ciò che diresti a un amico o familiare se sentivano le stesse cose e ricordano a te stesso.

LEGGERE: La terapia ha cambiato completamente la mia vita, come è come