Sono un Everygirl e ... mio marito è morto improvvisamente.

Sono un Everygirl e ... mio marito è morto improvvisamente.

Ci viene insegnato solo sul lato brutto della morte. La morte è la cupa mietitrice, nascondendosi e aspetta di farci del male. La morte è una malattia che ti rende sempre più debole fino a quando non puoi più combattere. Come società ci siamo in punta di piedi intorno, facciamo di tutto per evitarlo, lo sequestriamo in una parte della nostra mente che è appena raggiungibile. Ne scherziamo, poiché non ci succederà mai.

E poi mi è successo. La sera di Capodanno, mentre trascorreva del tempo a casa con mio marito, morì improvvisamente per una dissezione aortica. Questa condizione rara e spesso fatale ha pochi avvertimenti. Un minuto, era lì; Spazzolando i capelli dal mio viso per baciarmi sulla fronte, e il successivo se ne andò.

Quando i primi soccorritori non furono in grado di rianimarlo, fui guidato in un'auto della polizia dietro l'ambulanza per dire addio nella sterilità del pronto soccorso.

Vorrei ogni giorno che fosse ancora qui per me, era la persona più speciale che abbia mai incontrato. La sua generosità, talento, gentilezza, umorismo e puro amore non erano eguali. Abbiamo trascorso più di quattro anni e mezzo insieme, solo uno e mezzo sposato, ma la profondità in cui mi ha amato e sostenuto valeva la vita.

Ciò di cui parliamo raramente è la bellezza nella morte. Attraverso questa esperienza, ho imparato ad apprezzare ogni piccola cosa che mio marito ha fatto per esprimere la sua cura per me. Le migliaia di note d'amore mi ha lasciato attraverso vocali, testi, e -mail, lettere scritte a mano, didascalie di Instagram, fotografie e ricordi mi hanno dato un comfort infinito.

Abbiamo trascorso tre estati prendendo i ritratti l'uno dell'altro ogni giorno di calore, lo soprannominavamo #summerportraitseries ed non eravamo dispiaciuti in ciò che la mia famiglia chiamava manifestazioni pubbliche di fotografia. Ognuna di queste immagini è fondamentale per la mia guarigione. Ho così tante variazioni della sua personalità catturate, così tanti piccoli dettagli da cui attingere per l'ispirazione. Gli ho scritto un tributo sul mio Instagram ogni giorno dalla sua scomparsa. Essendo la piattaforma che originariamente ci ha introdotto e conduce alla nostra appuntamento, sembra il modo più puro per continuare la nostra storia in tempo reale.

Le nostre famiglie, amici, colleghi e estranei hanno espresso le loro simpatie nei modi più premurosi e sentiti - pasti lasciati sulla porta, carte per posta, una playlist di San Valentino per sollevare il mio umore, migliaia di dollari hanno donato in beneficenza in suo onore. Quei gesti, Link per link, hanno costruito una catena per me per afferrare e tirarmi su.

Dalla sua morte, ho celebrato la vita ogni giorno. Abbraccio ogni persona che amo quando dico addio, come avrebbe fatto. Tratto gli estranei con ulteriore gentilezza, sapendo che in qualche momento sperimenteremo tutti perdite e dovremo continuare a essere fuori nel mondo incerto su ciò che c'è in anticipo.